lunedì 20 aprile 2009

babbo




Mi manchi,
te ne sei andato un anno fa, in silenzio, senza far rumore, ma hai aspettato che io e mamma fossimo vicini a te.
Hai aperto un minuto i tuoi occhi blu, ci hai guardate e ci hai viste:poi ti sei addormantato per sempre in pace.
Ogni settimana ti abbiamo portato i fiori al cimitero, ma non perchè ce lo hai imposto ,ma perchè ci piace farti visita e chiacchierare un pò con te del più e del meno, come se ancora fossi tra noi.
Sai, bà, mi mancano le tue storie del tuo passato,di quando io ero piccola e ti stavo sempre dietro, sia che portavi il pane, sia che andavi da qualsiasi parte:io salivo come una lepre sulla macchina, mi accucciavo nel sedile posteriore e via verso un'avventura, ogni giorno diversa.
Poi mi hai insegnato a far di conto, seduta sulla bascula del forno, io che non ho mai capito le equivalenze e tu che facevi tutti i conti a memoria...
Poi mi hai accompagnata tutto il lungo percorso della scuola, le magistrali, l'Università, all'altare...
Io ti ho detto poche volte "ti voglio bene" ma solo perchè non usava, bastava stare vicini, noi tre:tu, mamma e io.
Poi sono nati Adriano e Amedeo e tu sei diventato un nonno super:te li sei goduti fino alla fine...
Bè spero che un giorno, lassù continueremo a far di conto e io ti dimostrerò che forse ne so un pò di più della matematica.
Ciao babbo.
http://www.youtube.com/watch?v=GBvxcLXz31k

19 commenti:

  1. nessun commento, solo un abbraccio

    RispondiElimina
  2. So cosa si prova. Ho perso mio padre tre anni fa, all'improvviso. Da allora la mia vita è cambiata, si è aperto uno squarcio dentro me. Qualcosa è cambiato. Da allora non ho più una famiglia, da allora i legami si sono allentati, non per scelta. Ma quello che vedo è che la casa dei miei è sempre vuota. Ognuno va per la sua strada. Sembra quasi che siamo solo semplici conoscenti. Preferisco non pensarci.
    Un abbraccio forte
    Sabrina

    RispondiElimina
  3. Cara Antonietta, anche se il distacco fa male, non dobbiamo mai abbandonare la speranza che lassù,c'é qualcuno che ci portegge, e che un giorno saremo ancora vicini.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Cara Anto,
    innanzitutto un grazie per non far mai mancare la tua presenza nei comenti aimiei post, non hai idea di quanto la cosa mi faccia piacere, devi essere una persona bellissima e mi piacerebbe conoscerti quando salirò da mio cognato a Pesaro, poi volevo inviarti solo un forte abbraccio perchè leggendo le tue parole mi sono resa conto di quanto sono ancora fortunata...
    con affetto
    dida

    RispondiElimina
  5. Cara Antonietta che meravigliose parole per un padre , sono certa che lui ti segue ogni giorno e ti è vicino e sà quanto lo ami .un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Belle parole,mi sono commossa!ti abbraccio,Rox

    RispondiElimina
  7. un abbraccio grande..che dura fino a quando vuoi tu

    RispondiElimina
  8. mi hai fatto commuovere con i tuoi ricordi, penso che i nostri cari che non ci sono più vivano sempre con noi, attraverso i nostri gesti quotidiani i notri sentimenti, noi siamo il frutto della loro educazione, e questo li fa rimanere sempre con noi un bacio

    RispondiElimina
  9. Ma certo Anto!!!mi fa piacerissimo!non so se saliremo per il ponte del 2 giugno visto che arriviamo cmq a Pienza ma se così fosse sarebbe proprio una toccata e fuga o se rimandiamo all'estate...in tutti i casi ti farò sapere!
    ti abbraccio forte e gazie per gli auguri!

    RispondiElimina
  10. «Sì come una giornata bene spesa dà lieto dormire,
    così una vita bene usata dà lieto morire.»
    (Leonardo da Vinci)

    Belle parole Anto, sono una vera poesia.
    Non si avverte affatto il dramma della morte, ma la bellezza d'una vita vissuta intensamente con una persona che ha saputo infondere tanto, tanto AMORE.

    RispondiElimina
  11. Antonietta la sai una cosa?
    Non avevo nemmeno iniziato a leggere avevo visto la foto e subito mi sono venuti i brividi....
    Ciao non riesco a dire altro.

    RispondiElimina
  12. Ancora grazie a tutti voi di essere passati da me, sapeste come fa bene al cuore ricevere un pò di bene

    RispondiElimina
  13. una gran bella dedica sarà contento

    RispondiElimina
  14. sei una figlia amorevole che porta sempre il suo papà dentro di sé,
    ho perso mio padre anziano tre mesi fa,
    l'affetto diventa un viatico

    RispondiElimina
  15. sei stata l'unica ad emozionarmi...
    tuo papà ti è accanto sono sicura

    RispondiElimina
  16. che fico hai detto che il mio blog sa di buono ma penso che le cose che scrivo sanno di acido ...sai una cosa ieri ti ho scritto che il tuo papà ti è accanto io spero che anche mio fratello in questo periodo mi stia vicino ciao se vuoi ti puoi aggiungere ai lettori un abbraccio dama del castello

    RispondiElimina
  17. antonietta,c'è un pensierino per te nel mio blog,passa...
    ti abbraccio,Rox

    RispondiElimina