sabato 2 aprile 2011

che scarpinata!










Ho imparato ad amare gli asparagi selvatici, sia in frittata che con la pasta. Ma da qui a dire VADO A RACCOGLIERLI ce ne vuole.All'inizio pensavo che l'asparago fosse una pianta che vive raso suolo, tipo le bietole, poi ho visto che nasce da cespugli spinosi e lui se sta quatto quatto nascosto tra i suoi spini...poi oggi pomeriggio sono uscita con Ivana, una ragazza che è nata e vissuta in campagna: Ti ci porto io a trovare gli asparagi! e io immaginavo una spianata piena di cespugli pronti per me...invece siamo andati su per una ripa, a fianco di una strada, ma in pendenza o in salita dipende da dove si guarda. Lei si è subito tuffata tra i rovi e ne ha trovati a ogni pié sospinto, io dopo i primi impacciati passi in discesa tra foglie, rami spezzati...ho deciso di demordere,sono restata bordo strada a cercare tra i vari cespugli sperando, invano, che qualcuno avesse lasciato sopravvivere qualche ramingo asparagio.Risultato: 3 miseri asparagini.
Allora Ivana quasi dispiaciuta mi indicava i SUOI asparagi e io, anche a un centimetro non li vedevo che dopo alcuni minuti, che sconforto! proprio contadina negata! Ma la mia soddisfazione l'ho avuta scoprendo cespuglio di lupini o sulle,vegetale che da ragazza adoravo ma che a causa di diserbanti ora nascono raramente:si mangiano crudi dopo averli sbucciati: che gioia! sono tornata a casa stanca ma soddisfatta:tempo ideale per scarpinare in campagna, ma che fatica!

8 commenti:

  1. Bellissimo questo post. Sai che anch'io un paio di anni fa ho fotografato passo per passo tutto, dalla pianta al piatto finito, solo che non ho mai pubblicato il mio post per via di una brutta notizia legata a quel giorno, ricevuta proprio mentre raccoglievamo asparagi... io li vado a raccogliere da una vita ed effettivamente hai descritto perfettamente la realtà!!! Ormai io li riconosco subito, però spesso è difficoltoso prenderli per via dei cespugli spinosi... baci buon w-e

    RispondiElimina
  2. una bella scarpinata è sempre salutare e rimette pure di buon umore , se poi si porta a casa qualcosa di buono è proprio il massimo!!

    RispondiElimina
  3. Anto’, a giudicare dalla foto, non si trattano di asparagi veraci, ma dei
    cosiddetti, impropriamente, “asparagi selvatici”, cioè germogli di “Rusco selvatico” o “Pungitopo”.
    Coltivati o selvatici che siano, gli asparagi
    sono i tipici germogli tubolari della pianta di
    asparago ( che noi in Sicilia chiamiamo “sparacogna”).
    Nel giardino della mia villetta al mare, ho qualche macchia di rusco coltivato (senza spine e con foglie più grandi) e settimanalmente raccolgo un bel mazzolin
    di “asparagi”; inoltre a pochi passi ci sono dei campi incolti con vari cespugli di “sparacogna”, dove posso raccogliere
    quelli veraci ( quando non è passato qualcun’altro prima di me).Oggi ho fatto anch'io la mia "scarpinata" fortunata.
    La mia ricetta: sbollentati e poi fritti con olio d’olica, uova e parmigiano.
    Buon appetito.

    RispondiElimina
  4. Dalla tua descrizione Antonietta, visto che crescono nei rovi mi sembrano tanto i bruscandoli, cioè i germogli del luppolo, che hanno un sapore lievemente amarotico ma indimenticabile. Ottimi per risotti e frittatine e sengo che la primavera arriva, ma quando se ne trovano pochi perchè rovi non ce ne sono più è segno che l'uomo avanza troppo rispetto alla natura.
    Qui li raccogliamo anche in barena, anzi li raccoglievamo perchè come ti dicevo prima han bruciato parecchi roveti e quindi bruscandoli sempre meno.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Luppolo?
    Pungitopo (rusco)?
    Asparago (verace)?
    Anto’!
    Facci luce, descrivici la foglia della pianta.
    Che asparagi raccogli?

    RispondiElimina
  6. O.K.
    Ho visto bene la foto:
    sono bruscandoli (luppolo).

    RispondiElimina
  7. In effetti sono germogli di luppolo, molto buoni cucinati in frittata, risotto, minestra, in insalata ecc.
    Vengono chiamati in tanti modi a secondo del luogo abitativo, in Lomardia la pianta di puppolo viene chiamata "aspargina" e questo è forse il motivo per cui Antonietta li ha definiti asparagi selvatici.
    In Piemonte li chiamiamo luartin o luartis, mentre nel veneto a Trieste e Trento vengono chiamati bruscandolo ecc..
    Ciao

    RispondiElimina
  8. salve...sono piante spinose...con alla base un bastoncino alto su cui spunta l'asparagio...non so il termine esatto, ma è asparagio selvatico secondo chi mi porta a spasso nei prati.
    AMEDEO...come mio figlio dammi le coordinate x conoscere il tuo blog...

    RispondiElimina